L’Associazione Culturale MADE presenta Sandro Becchetti esposizione in LaBloft

“Un click non condenserà mai una vita e spesso, salvo rare eccezioni, i segni di una faccia dissimulano più che rivelare”, queste sono le parole di Sandro Becchetti, fotoreporter romano che dagli Sessanta ha immortalato i protagonisti della vita culturale e artistica italiana e internazionale.

 E il lavoro di questo fotografo ci offre un vero viaggio “à rebours”, in questi 99 scatti in bianco e nero che fino al 29 novembre 2012 saranno in mostra a Torino, presso LabLoft, con “Protagonisti. 99 ritratti che hanno fatto la storia”.

Attori e attrici, come Carmelo Bene, Claudia Cardinale, Dustin Hoffman, Anita Ekberg, Ugo Tognazzi, Piera degli Esposti; registi, come Alfred Hitchcock, François Truffaut, Bernardo Bertolucci; artisti e scrittori come Joseph Beuys, Christo, Gunther Grass, Pier Paolo Pasolini, Amos Oz, Alberto Moravia, sono loro i volti che diventano tracce di quel mondo, ormai lontano,  che tanto ha mutato i costumi e i pensieri degli italiani.
Becchetti attraverso l’obiettivo ha saputo cogliere le sfumature di questi sguardi indimenticabili, forse anche perché il suo rapporto con la fotografia, che negli anni Sessanta non era nemmeno ancora considerata una forma d’”arte”, non è sempre stato semplice, costante e sereno. Ha infatti abbandonato e ripreso più volte la professione fino alla decisione, negli anni Novanta, di ricominciare scattare e perfino di esporre. Perché, dice Becchetti, “nella vita non c’è età per mutare pelle”.

“Protagonisti. 99 ritratti che hanno fatto la storia”

esposizione realizzata con il Patrocinio della Regione Piemonte, della Città di Torino e di Generali Assicurazioni
Associazione culturale MADE presso LABLOFT via Lodi 25/e, Torino
orari martedì-sabato dalle 15 alle 18.30 e su prenotazione in altri giorni e orari
ingresso gratuito

Photographer Elisa Perotti

27 ottobre – 29 novembre 2011

 

Inaugurazione 26 ottobre ore 19

 

 

“un click non condenserà mai una vita e spesso (salvo rare eccezioni)

 i segni di una faccia dissimulano più che rivelare.”

 Sandro Becchetti

 

 

Il 26 ottobre inaugura l’attesa mostra di Sandro Becchetti “PROTAGONISTI, 99 ritratti che hanno fatto la storia” e Torino torna così ad ospitare le immagini e il carisma di Becchetti, fotografo che da metà degli anni Sessanta ritrae i grandi protagonisti dell’attualità e della cultura, spaziando dagli acclamati attori – Dustin Hoffman, Anita Ekberg, Claudia Cardinale, Ugo Tognazzi, Piera degli Esposti… – ai registi – Fellini, Rossellini, Hichcock, Bertolucci, i fratelli Taviani, Polansky, Truffaut…-, dai grandi autori quali Saramago, Moravia, Pasolini, Ungaretti, Englander ad artisti come Wahrol, Le Witt, Ernst, De Chirico e Christo.

99 personaggi ritratti da Becchetti con un severo bianco e nero che esalta ogni espressione e ogni esitazione: sono personaggi pubblici, protagonisti del loro tempo ma soprattutto del proprio destino. Becchetti li ritrae senza fronzoli e senza ritocchi, l’esatto contrario del photoshop imperante ai giorni nostri; le lenti di Becchetti sanno carpire la verità e l’unicità dei protagonisti, sui loro visi e attraverso i gesti si può leggere lo stato d’animo del momento. Sandro Becchetti attraverso questi 99 ritratti ci restituisce contemporaneamente uno spaccato della società dell’epoca e una visione di quelli che sono i temi costanti che agitano l’animo umano: da un lato l’attualità e il legame con la quotidianità, dall’altro i pensieri e le paure comuni agli uomini di ogni epoca che fanno sì che il visitatore si ritrovi e si riconosca in quegli sguardi lontani e negli atteggiamenti ostentatamente sicuri.

Attraversando le 99 immagini allestite presso LABLOFT si è colpiti dall’incredibile forza dei ritratti e dall’umanità che trasuda da ogni foto; questo è il miracolo operato da un fotografo di spessore e talento come Becchetti: i protagonistiper lo spazio di tempo di uno scatto sono soltanto persone.

 

 

 

Sandro Becchetti nasce a Roma nel 1935 e inizia l’attività di fotografo nella seconda metà degli anni Sessanta documentando la realtà sociale, politica e culturale del nostro Paese con una intensa collaborazione con “Il Messaggero” e molti altri quotidiani, periodici e agenzie di stampa. 
Nel 1980 interrompe l’attività di fotografo per dedicarsi alla sua passione di sempre, l’arte. 
Riprende a fotografare solo nel 1995 con una ricerca sulla Spagna e il Portogallo. 
Ha collaborato con “La Repubblica”, “L’Espresso”, “Il Mondo”, “Sipario”, “L’Unità”, ”La Fiera Letteraria” e “L’Astrolabio”. 
Alcune delle sue foto sono apparse su “Life” e “Libération” e sono negli archivi della France Presse, della BBC e della RAI. 
Becchetti ha esposto in spazi pubblici e privati come le gallerie Nuova Pesa e Acta di Roma, la galleria König di Stoccarda, le gallerie delle Stazioni Centrali di Roma, Milano e Venezia, l’Archiginnasio di Bologna, il Museo in Trastevere di Roma, la Fondazione Italiana per la Fotografia di Torino. 
La sua attività è documentata nel volume della Storia d’Italia Einaudi dedicata a “L’immagine fotografica 1945-2000”, in pubblicazioni specialistiche come “Popular photography”, “Photo”, “Progresso fotografico” e “Storia fotografica di Roma 1963-1974”. Nel 2007 è stato inserito tra i “5062 italiani notevoli” del “catalogo dei viventi” edito dal Marsilio.
Nel 2008 ha partecipato alla mostra UNITED ARTIST OF ITALY, inaugurata al Museo d’Arte Moderna di St. Etienne e dedicata a 21 fotografi considerati tra i più importanti d’Italia. Suoi ritratti sono stati acquisiti dalla Galleria d’Arte Moderna di Torino e dal Museo di Arte contemporanea di Rivoli (TO).

 

 

La mostra , organizzata dalla Associazione Culturale MADE è resa possibile grazie al sostegno di Generali Assicurazioni. LABLOFT, una nuova e vivace realtà produttiva ed espositiva, ha scelto di portare a Torino la mostra di Sandro Becchetti e di allestirla in maniera informale e creativa presso i propri spazi – circa 250 mq multideclinabili – per esaltare l’intensità che trapela da ognuno dei 99 ritratti. La medesima intensità che contraddistingue la mission di LABLOFT, ovvero sostenere progetti di artisti sia locali che internazionali, affermati come alle prime armi, ma dotati di talento vero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...